Festa di San Bartolomeo

Fonte: FSSPX Attualità

San Bartolomeo, sesto dei dodici apostoli che seguirono Cristo, non è altro che Natanaele, che l'apostolo Filippo presentò al Signore.
 
Il suo nome deriva dall'ebraico bar Talmay, che significa "il figlio di Talmai". È di Cana, in Galilea.
 
Cristo loda la sua innocenza e la semplicità del suo cuore: "Qui c'è veramente un israelita, in cui non c'è falsità" (Gv 1, 47).
 
San Teodoro riferisce che dopo i suoi viaggi apostolici in India, fu scorticato vivo in Armenia in odio alla fede. Le rappresentazioni del suo calvario a volte sono impressionanti, come quella in marmo bianco nel Duomo di Milano, la più famosa.
 
È spesso decorato con un pugnale, l'attributo identificativo, sebbene sia stato scorticato sia con coltelli che con pietre affilate.
 
A Roma, le sue reliquie sono venerate sull'Isola Tiberina.
 
"Dio Onnipotente, da cui proviene la gioia religiosa e santa di celebrare oggi la festa del tuo beato apostolo Bartolomeo, dona alla tua Chiesa quello che era l'oggetto della sua fede e di predicare ciò che ha insegnato. Per Gesù Cristo nostro Signore".